BO-JUTSU

Armi di legno di lunghezza variabile venivano utilizzate dal popolo giapponese, per scopi sia cerimoniali sia bellici (...). Le isole giapponesi, infatti, sono state senz'altro benedette dalla natura che ha fornito loro un legno duro denominato kashi, un genere di quercia sempreverde che fa dell'asta o del bastone impiegati nel combattimento senz'armi strumenti quasi indistruttibili.
(Tratto da: " Donn F. Draeger, op. cit.")

Il Bojutsu o combattimento con il Bo (bastone lungo 182cm), si svolge tra due persone una armata di Bo e la seconda (di grado più alto) armato di bokken, e si praticano solo i kata o forme codificate dalla scuola. La maggiore lunghezza del bo, conferisce un più facile controllo dell'avversario armato di spada, mettendolo in difficoltà in quanto il bo può colpire da una distanza maggiore.
I principali bersagli del bo saranno: la testa, la gola, le mani, le gambe.
Quando l'esperienza del maneggio del bo sarà elevata si passerà allora ai kata superiori: Bo contro Bo (Go gyo no Bo), ancor più rapido nell'eseguire i caricamenti e con colpi più sofisticati.

I KATA

OMOTE NO BO

  1. Seri ai no bo
  2. Sune hishigi no bo
  3. Sayu no bo
  4. Kaza hazushi no bo
  5. Hane tsurube no bo
  6. Tate nami no bo

GOGYO NO BO

  1. Gedan kamae no bo
  2. Kasumi gakari no bo
  3. Denko kamae no bo
  4. In kamae no bo
  5. Hikizue kamae no bo
  6. Tatezue kamae no bo