RYOTO-JUTSU

Il ryoto mette lo spadaccino (spada singola) di fronte ad una situazione estremamente pericolosa, in quanto la versatilità delle due spade in rapida successione determina un maneggio della spada, veloce preciso con spostamenti rapidi per non essere colpito.

Raggiunto un determinato livello di abilità, tuttavia, gli esponenti della disciplina si allenano anche con due spade, di solito una corta e una lunga, nella tecnica del nito ("due spade") o del ryoto ("entrambe le spade").
(Tratto da: " Donn F. Draeger, op. cit.")

Il praticante del Ryoto deve cominciare ad usare le mani in modo indipendente ma coordinato, altrimenti durante il maneggio rischia di tagliarsi da solo.
Quindi i suburi o colpi fondamentali, vanno appresi con precisione prima di approcciare qualsiasi kata.

I KATA

RYOTO

  1. Eigetsu no tachi
  2. Suigetsu no tachi
  3. Isonami no tachi
  4. Murakumo no tachi